contattaci

 

Puoi inviare le tue richieste o i tuoi commenti relativi ai contenuti del sito.

Usa il campo 'Messaggio' a destra per contattarci e inserisci il tuo indirizzo email.

 

Manor Gardens, Baviaanskloof Road
Hout Bay 7806, Cape Town
South Africa

+39 3351339438

L'ERA DEL COACHING

DKfoto-1.jpg

Cos'è il coaching e perchè avere un coach?

Il coaching professionale è un rapporto di partnership che aiuta le persone a produrre risultati straordinari nella loro vita

 
 

Il coaching professionale è un rapporto di partnership che aiuta le persone a produrre risultati straordinari nella loro vita, nella carriera, nel business o nelle organizzazioni. Oggi esistono molti tipi di coaching, noi ci riferiamo a quello promosso dalla International Coach Federation (ICF).

Attraverso il processo di coaching, i clienti approfondiscono l’apprendimento, migliorano le loro prestazioni e aumentano la qualità della loro vita.

Il coaching nasce dall'esperienza sportiva negli anni '80, in particolare dagli studi di Timothy Gallwey (allenatore di tennis) e John Whitmore, riguardo alle prestazioni degli atleti.

La domanda che si ponevano Gallwey e Whitmore era: come mai, a parità di capacità tecniche e doti fisiche, a vincere erano sempre e solo gli stessi atleti?
I loro studi dimostrarono che a fare la differenza era quello che loro definirono "inner game": quel gioco interno all'atleta stesso, basato sui suoi pensieri e su come questi influenzassero negativamente o positivamente la prestazione.

Nel coaching, ad ogni incontro, il cliente sceglie il fulcro della conversazione, mentre il coach ascolta e contribuisce con osservazioni e domande. Questa interazione crea chiarezza e muove il cliente verso l’azione.

Il coaching è un acceleratore dei progressi del cliente, attraverso un processo che fornisce una maggiore attenzione e consapevolezza di scelta. Il coaching si concentra dove i clienti si trovano ora e su ciò che essi sono disposti a fare per arrivare dove vogliono essere in futuro.

Per un approfondimento sui benefici del coaching è disponibile la pagina del sito italiano di ICF International Coach Federation

COSA FA UN COACH?

Il coach si concentra su dove i clienti si trovano ora e su ciò che essi sono disposti a fare per arrivare dove vogliono essere in futuro.

I coach con credenziali ICF riconoscono che i risultati sono dovuti alle intenzioni, alle scelte e alle azioni del cliente, sostenuti dagli sforzi del coach e dall’applicazione del processo di coaching.

ICF aderisce ad una forma di coaching che onora il cliente come esperto della sua vita e del suo lavoro e ritiene che ogni cliente sia creativo, intraprendente e integro.
Di conseguenza, la responsabilità del coach è di:

  • scoprire, chiarire e allineare ciò che il cliente desidera raggiungere
  • incoraggiare il cliente nella propria esplorazione attraverso le domande
  • suscitare soluzioni e strategie generate dal cliente
  • mantenere il cliente responsabile

Tra le competenze chiave di un bravo coach, secondo gli elevati standard internazionali di ICF, oltre alla capacità di costruire la fiducia e la vicinanza con il cliente, vi è l’ascolto attivo.

Il coach ha la capacità di concentrarsi completamente su ciò che il cliente sta dicendo e non sta dicendo, di comprendere il significato di ciò che viene detto nel contesto dei desideri del cliente, e di sostenere l’espressione di sé del cliente.

Attraverso la formulazione di domande potenti e la comunicazione diretta, il coach ha la capacità di aiutare il cliente a ottenere consapevolezza, progettare e intraprendere nuove azioni che porteranno più efficacemente possibile ai risultati di coaching prefissati.

Un percorso di coaching si sviluppa attraverso una serie di sessioni tra coach e cliente. Nel primo incontro viene individuato l'obiettivo finale che il cliente desidera raggiungere e i criteri secondo i quali verrà misurato lo stato di avanzamento verso lo stesso.

Durante ogni sessione, il cliente, accompagnato dal coach, stabilirà obiettivi intermedi coerenti con l'obiettivo finale e progetterà delle azioni per raggiungerli. Il coach utilizzerà le sue tecniche per favorire lo sviluppo di questo processo.

Il coach è responsabile dello sviluppo del processo, ma lascia la responsabilità dei contenuti al suo cliente, non entra nel merito dell'argomento, poiché sarà il cliente stesso a definire i propri obiettivi, ad elaborare le proprie strategie e stabilire le proprie azioni. Di conseguenza, risulta indifferente che il coach conosca o meno l'argomento da trattare. 

E' da evidenziare che il coach non entra nella sfera emotiva della persona e non va ad esplorare il suo passato. Il coaching è una disciplina basata sullo sviluppo di competenze nel presente per il raggiungimento di un obiettivo nel futuro.

PERCHE' AVERE UN COACH?

Un coach per raggiungere obiettivi personali e professionali con un efficace orientamento all’impegno, ai risultati e alle soluzioni.

Per attivare nella propria vita privata o professionale un processo evolutivo, rigenerativo.
Per individuare una nuova strategia cognitiva e comportamentale.
Per scoprire che è possibile accedere a nuovi pensieri, convinzioni, percezioni.
Per sviluppare abilità decisionali.
Per diventare consapevoli delle proprie potenzialità.
Per raggiungere obiettivi personali e professionali con un efficace orientamento all’impegno, ai risultati e alle soluzioni.

Il coach non entra nella sfera emotiva della persona e non va ad esplorare il suo passato. Il coaching è una disciplina basata sullo sviluppo di competenze nel presente per il raggiungimento di un obiettivo nel futuro.

Noi possiamo modificare solo ciò di cui siamo consapevoli.

Il coach è orientato al futuro, allena il cliente lavorando sull’area dello sviluppo, conducendolo a diventare, autonomamente e attraverso la piena responsabilità dell’utilizzo delle sue risorse, il campione della sua vita.

ICF International Coach Federation, individua nel sito del suo chapter italiano, i benefici di un percorso di coaching.

Che differenza c’è tra un coach e altri professionisti
come consulenti, mentori e counselor?

  • Il consulente è un esperto di una certa materia, effettua un’analisi e suggerisce soluzioni da applicare ad un problema specifico.
  • Il mentore è un esperto a cui affiancare una persona, in modo che quest’ultima acquisisca competenze attraverso l’imitazione e la prova diretta supervisionata.
  • Il counselor (come lo psicologo anche se con tecniche diverse) è un professionista che interviene per risolvere un disagio psicologico della persona.
  • Il coach NON trasferisce conoscenze, il più delle volte non è nemmeno competente nella materia specifica trattata nel percorso di coaching, e soprattutto NON tratta disagi di tipo psicologico. Il coach aiuta il suo cliente a mettere a fuoco gli obiettivi che desidera raggiungere. Lo accompagna e lo stimola a sviluppare nuove competenze, acquisire nuove consapevolezze, pianificare azioni e verificare l’avanzamento verso il risultato finale.

Il coaching professionale porta molti straordinari benefici: una nuova e rinnovata prospettiva sulle sfide che abbiamo davanti, una migliore capacità di prendere decisioni e affrontare i cambiamenti necessari a prosperare, un senso più profondo di fiducia nelle nostre capacità e nei nostri talenti.
Da uno studio indipendente di Pricewaterhouse Coopers è possibile esaminare le percentuali di soddisfazione dei clienti che hanno sperimentato il coaching, i loro risultati e il ROI (Return On Investment) del coaching.
Se desideri trovare risposta ai più frequenti quesiti sul coaching, a questo link trovi le FAQ che potranno aiutarti a fare chiaro sui passi da fare per scegliere il miglior percorso adatto alle tue esigenze e agli obiettivi che vuoi vedere nella tua vita.