contattaci

 

Puoi inviare le tue richieste o i tuoi commenti relativi ai contenuti del sito.

Usa il campo 'Messaggio' a destra per contattarci e inserisci il tuo indirizzo email.

 

Manor Gardens, Baviaanskloof Road
Hout Bay 7806, Cape Town
South Africa

+39 3351339438

L'ERA DEL COACHING

Blog

 

 

Il coaching: il 'cocchio' che ti accompagna verso i tuoi obiettivi

Cristina Campofreddo

 di Cristina Campofreddo - estratto dal  libro 'Sofia, Seneca e il Coaching' (Amazon ebook)

di Cristina Campofreddo - estratto dal libro 'Sofia, Seneca e il Coaching' (Amazon ebook)

Coach: una carrozza, un cocchio trainato da cavalli (Oxford English Dictionary).
Coach: significa "istruttore / allenatore".
Il verbo esiste dal 1610.
Nel 1830 il termine compare nel gergo della Oxford University per indicare un tutor che "porta", conduceuno studente attraverso un esame.
Dal 1849 “to convey in a coach” (= trasportare qualcuno in un cocchio, in una carrozza) aveva il significato di "per preparare (qualcuno) per un esame".
Il termine viene usato in senso atletico nel 1861.
Il termine “coach” deriva da Kocs, un villaggio ungherese dove venivano fabbricate carrozze di qualità, particolarmente resitenti agli urti.
Nell’ ‘800 gli studenti universitari inglesi utilizzavano questa parola per indicare i tutor migliori, quelli cioè che “portavano gli studenti verso il successo finale dell’anno accademico”, come se fosse un’idea di “trasporto”, da qui “la carrozza”.

Successivamente, il coach è diventato l’allenatore sportivo, sino ad abbracciare un significato più esteso: un professionista che affianca e sostiene l’individuo nel realizzare al meglio i propri risultati nella professione, nello sport, nello studio, nella vita in generale.

Essere affiancati da un coach vuol dire essere accompagnati e sostenuti nella scoperta delle proprie risorse interiori, condividendo con esso osservazioni e ricevendo incoraggiamenti a procedere, con l’obiettivo di individuare e compiere azioni che conducano verso i risultati attesi.

Sono in molti oggi a farsi guidare da un coach per avere un sostegno nella vita di tutti i giorni.

Anche in Italia ne vengono sempre più riconosciuti i benefici: il coaching si sta gradualmente affermando, molte aziende si appoggiano ad un servizio di Business, Corporate o Executive Coaching, con lo scopo di preparare i propri dipendenti ad affrontare le sfide di mercati in profondo e rapido mutamento, muniti di forza interiore e di migliori capacità di leadership.

Il Life o Personal Coach si concentra sulla persona, focalizzandosi sulle sue potenzialità e sui suoi talenti ancora celati e, con l’uso di ‘domande potenti’, accompagna l’individuo a vedere e recuperare tali risorse.

Le domande nel coaching attivano maggiore consapevolezza e consentono all’individuo di ‘prendere il largo’, di ‘spiccare il volo’ verso una completa e profonda capacità di gestire al meglio la vita di tutti i giorni.
Il coaching permette a chi lo sperimenta di crescere dentro e fuori, di apprendere un metodo che consente di produrre i risultati attesi in ogni area della propria vita, esplorando i diversi aspetti del proprio mondo interiore.
Questo ci permette di ricordare che non esiste ‘un dentro e un fuori’, ma che tutto può scorrere con maggiore sintonia quando lasciamo spazio a ciò che siamo nella nostra interezza.

Il viaggio comincia sempre con il primo passo, quello di rivolgersi ad un coach, di sceglierlo e di accettare l’impegno a proseguire, di ‘tenere duro’, soprattutto quando diventa difficile farlo.
E’ allora che si rivela la ‘magia del coaching’: l’esplorazione prende talvolta strade inattese, straordinarie, sempre emozionanti e ricche di spunti di crescita, a qualsiasi età.

La scoperta di sé stessi porta a nuove rivelazioni, porta a volere scoprire di più e a mettere in ordine ciò che appare ai nostri occhi, finalmente libero dalla nebbia, finalmente chiaro e scintillante davanti a noi.